E-mail, Facebook, WhatsApp o Twitter. Ogni giorno usando i nostri profili in Rete veniamo invasi dai link

Bologna
12:00 del 11/01/2018
Scritto da Gerardo

E-mail, Facebook, WhatsApp o Twitter. Ogni giorno usando i nostri profili in Rete veniamo invasi dai link. Spesso sono solo i nostri amici che vogliono inviarci un’immagine divertente o il sito di e-commerce con gli ultimi sconti.Altre volte, però, dietro questi collegamenti ipertestuali si nasconde un cyber criminale.

Saper riconoscere i siti sui quali non entrare è fondamentale per aumentare la nostra sicurezza informatica. Ovviamente non possiamo metterci a studiare tutti i link maligni e i portali non affidabili e creare una lista. Perderemo praticamente tutta la nostra esistenza e non concluderemo il lavoro. Meglio imparare delle tecniche per riconoscere se un URL è pericoloso o meno. Queste sono abilità che possiamo poi riutilizzare anche per verificare i link e gli allegati in arrivo via email. Riconoscere link e allegati maligni, infatti, ci proteggerà dall’attacco di malwaremolto diffusi come i ransomware o le campagne phishing.

Come controllare l’URL

Per prima cosa per capire se un sito è affidabile oppure no dobbiamo verificare l’URL. Innanzitutto diciamo che esistono due tipi di URL: uno standard e uno abbreviato. Il primo è il classico www.nomedeldominio.com. Il secondo è una forma accorciata pensata per app e social e per fare un esempio possiamo immaginarlo così: goo.gl/j12QjX. Gli hacker usano con maggiore frequenza gli URL abbreviati per trasportare le persone su un sito fasullo o compromesso. Perché in questo modo l’utente non si accorge direttamente del nome del dominio. Spesso però anche URL standard identificano un sito maligno. Per verificare un link quindi non ci resta altro da fare che usare un link checker, ovvero un programma che permette di controllare l’affidabilità di un URL ricevuto tramite e-mail.

Programmi per controllare i link

Uno dei migliori programmi per verificare l’affidabilità di un link è AVG Threatlabs. Basta inserire nel software il link ricevuto via email o tramite i social e in pochi istanti avremo un resoconto, positivo o negativo, sull’affidabilità del collegamento. Ottima anche la soluzione offerta da Kaspersky con VirusDesk. Attraverso questo programma potremo non solo controllare i link sospetti ma anche inserire un file che abbiamo intenzione di scaricare per verificare se contiene malware o meno. Molto comoda invece l’opzione del sito web ScanURL. Basta entrare nel sito, inserire il link e aspettare la verifica. Se abbiamo paura di aver ricevuto un’email phishing il consiglio è quello di utilizzare PhishTank. Se inseriamo il collegamento sul programma questo ci informa della possibilità o meno di cadere in una trappola phishing. Anche Google fornisce un servizio per l’affidabilità dei link, chiamato Transparency Report. Questo si basa sui feedback degli utenti. In pratica se un portale è stato segnalato Google ci avviserà del pericolo.

Da: QUI


Articolo letto: 391 volte
Categorie: , Guide, Internet, Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook