A costo di essere etichettato per l'ennesima volta come movimento fascistoide eccetera, il M5S dovrebbe prendere provvedimenti serissimi a Roma per non perdere tutta la sua credibilità, o almeno la sua immagine di "partito del cambiamento e dell'onestà" in un colpo solo. Ma ho il sentore che la loro immaturità li porterà ancora una volta a spararsi sui piedi (per non dire un altro punto del corpo).

Roma
06:00 del 07/01/2017
Scritto da Luca

A costo di essere etichettato per l'ennesima volta come movimento fascistoide eccetera, il M5S dovrebbe prendere provvedimenti serissimi a Roma per non perdere tutta la sua credibilità, o almeno la sua immagine di "partito del cambiamento e dell'onestà" in un colpo solo. Ma ho il sentore che la loro immaturità li porterà ancora una volta a spararsi sui piedi (per non dire un altro punto del corpo).

Tangenti per le assunzioni in Ama. Spuntano gli elenchi dei «padrini». Ora capisci perchè la Raggi ed il Movimento danno fastidio?

Azienda rifiuti nel caos per le compravendite di posti di lavoro. Uno dei delegati Cisl citato nelle registrazioni all’esame della Procura figurava tra gli «sponsor» dei netturbini entrati nel 2010

di Fabrizio Peronaci per Corriere.it

E al terzo giorno di fibrillazione per i dialoghi choc pubblicati dal Corriere sulla compravendita di posti da netturbino, in Ama tornarono a circolare le liste di Parentopoli. Alcuni nomi coincidono, il mondo è sempre quello: delegati di stretta osservanza Cisl. Il sindacalista citato dalla spazzina infuriata per la mancata assunzione del compagno («rivojo indietro i 9 mila euro, mo’ quello zompa per aria!»), ad esempio, figurava anche nei tabulati dell’«infornata» 2010.


All’epoca il delegato sotto le insegne dell’organizzazione di via Po riuscì a far assumere un suo parente strettissimo, che si può quindi escludere abbia pagato. Ma cosa è accaduto nelle segnalazioni successive, specie quelle accompagnate dal versamento di moneta sonante? Quanti neo-netturbini hanno messo mano al portafoglio pur di accaparrarsi un posto fisso? È quanto sta cercando di accertare il magistrato Alberto Galanti, al quale la scorsa estate il leader della Cgil Funzione pubblica di Roma e del Lazio, Natale Di Cola, ha consegnato la chiavetta Usb con le tre conversazioni incriminate che era stata inviata anche a un segretario confederale della Cisl, Luciano Giovanni, e all’ex presidente dell’Ama, Daniele Fortini, e al capo del Personale, Saverio Lopes


Veleni e vendette

L’operatrice ecologica, nei 36 minuti di registrazioni da lei stessa effettuate, parla del sistema diffuso di tangenti da 15-20 mila euro con l’amico mediatore (operaio in Atac) e poi, in modo acceso, con il presunto organizzatore del traffico, un altro delegato sindacale noto per il suo attivismo. I rumor nella sede di via Calderon de la Barca dicono che il nuovo affaire potrebbe rivelarsi ancora più devastante della Parentopoli del triennio 2008-2010, costata all’ex Ad Franco Panzironi la condanna a 5 anni e 3 mesi di carcere. In ogni caso, dai vecchi elenchi segreti, potrebbero venire elementi utili, forse decisivi ad accertare i fatti e l’intreccio di relazioni. Al Corriere nelle ultime ore sono giunte tre pagine fitte di nomi di assunti nel 2010, con a fianco i dati personali e, nell’ultima colonna, il «padrino» di riferimento. In tutto quasi cento casi di favoritismo, che tirano in ballo decine di sindacalisti legati al gran capo della Cisl in Ama, quell’Alessandro Bonfigli ribattezzato «l’imperatore» nei comunicati interni. Non mancano, tuttavia, ex assessori e consiglieri comunali, dirigenti, quadri aziendali. Ormai gli argini sono rotti: la slavina «assunzioni facili», nella municipalizzata degli scandali, pare destinata a ingrossarsi di ora in ora.


Articolo letto: 933 volte
Categorie: , Denunce, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della corruzione a Roma?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Carlo

07/01/2017 10:05:20
Ai tenaci e creduloni grillini romani, interessa davvero poco l'inettitudine della loro Raggi,del Marra sbattuto in galera che quatto quatto infila madre,zia, fratello e cugino di 4° grado nell'amministrazione comunale,di Romeo,della Muraro indagata e del nugolo di mafiosi infilatisi in giunta.Niente di tutto ciò li scalfisce..Si turano il naso,si bendano gli occhi,si mettono i tappetti nelle orecchie e fanno finta di niente.
5

Ricerche correlate

Roma - Raggi - Virginia Raggi - Movimento - M5S - Politica - Padrini - Mafia - Mafia Capitale -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook