Zitti zitti i presidenti delle società pubbliche quotate hanno approfittato del mancato rinnovo di una raccomandazione del Tesoro per aumentarsi lo stipendio. Grieco (Enel) più 173 per cento. Marcegaglia (Eni) più 110. De Gennaro (Leonardo) più 106. Farina (Poste) più 102. Ma sui furbetti del listino Tria per ora tace

Perugia
07:40 del 13/06/2018
Scritto da Samuele

E ora la palla passa al neo-ministro dell’Economia. Cosa dirà Giovanni Tria davanti ai turbo-stipendi dei presidenti dei gruppi pubblici quotati? La norma voluta nel 2014 dall’allora premier Matteo Renzi, che fissava per i manager di Stato un tetto di 240 mila euro (l’assegno dell’inquilino del Quirinale), escludeva le società presenti al listino.

Nello stesso anno ci aveva però pensato il Mef a stabilire un limite per i loro numeri uno, che infatti nel biennio 2015-2016 risultavano tutti allineati a quota 238 mila. Poi, nel 2017, al momento del rinnovo dei mandati (e con Renzi ormai nella polvere), zitto zitto Pier Carlo Padoan s’è ben guardato dal riproporre la raccomandazione (non vincolante) del suo ministero.




E le buste paga sono subito schizzate verso l’alto. Il salto più lungo l’ha fatto Patrizia Grieco (presidente Enel in quota Pd e Bernabè): nel 2018 prenderà 450 mila euro, ai quali (è una novità) potrà pure sommare i 200 mila di emolumenti per il CdA della controllata Endesa. Il pallottoliere dice che porterà così a casa un aumento del 173 per cento.

Al secondo posto (più 110 per cento) Emma Marcegaglia (Eni; sponsor Renzi, Padoan e le banche). L’ex leader di Confindustria, titolare con il fratello di un gruppo che fattura 5 miliardi, si metterà in tasca come argent de poche mezzo milione tondo.

Segue a ruota (più 106 per cento) Gianni De Gennaro (Leonardo; scelto sull’asse Quirinale-Washington), già capintesta delle barbe finte italiane, con 490 mila euro. A un’incollatura (più 102 per cento rispetto al 2015, ma al suo posto allora sedeva Luisa Todini) Bianca Maria Farina (Poste; Padoan-Renzi), che si fermerà a 480 mila. E chissà se i furbetti del listino si sono messi tutti d’accordo per non dire niente a Catia Bastioli. Il presidente di Terna è rimasto con un palmo di naso, a 238 mila euro.


Articolo letto: 275 volte
Categorie: , Denunce, Economia, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook