MENO SBARCHI IN ITALIA - Crolla il numero dei migranti che sbarcano sulle coste italiane.

Napoli
07:14 del 16/08/2019
Scritto da Gerardo

MENO SBARCHI IN ITALIA - Crolla il numero dei migranti che sbarcano sulle coste italiane. Nei primi 11 giorni di maggio ne sono arrivati 481 contro i 7.877 dello stesso periodo del 2017 (-94%). Più in generale, dal primo gennaio ad oggi sono sbarcate 9.948 persone contro le 45.112 del 2017 (-78%). Ancora più pronunciata la flessione degli arrivi dalla Libia: sono 6.843 contro i 43.488 del 2017 (-84%).

Questi i numeri del Viminale, che rappresentano anche un bilancio della gestione Minniti, mentre sembra ormai vicina la formazione di un nuovo Governo, con un altro ministro dell'Interno che si troverà ad affrontare la questione dei flussi migratori.

Meno profughi accolti - Diminuisce il numero dei migranti accolti nel nostro Paese: 105.142, cioè il 34% in meno rispetto a un anno fa. I costi sono passati dagli oltre 2,2 miliardi di euro ai 500 milioni. In calo le richieste di asilo presentate, 36.250 contro le 82.382 dell'anno precedente.
Crolla il numero dei rimpatri volontari - Stabili invece i numeri degli stranieri espulsi dall'Italia: tra il primo agosto 2018 e il 31 luglio 2019 se ne sono contati 109 per motivi di sicurezza dello Stato contro i 108 dell'anno prima. Più marcata è la diminuzione dei rimpatri volontari, che si sono più che dimezzati passando da 1.201 a 555, con un calo del 53,8%.



Sono 141 i foreign fighters, 29 rientrati in Ue - Sono 141 i foreign fighters che hanno in qualche legame con l'Italia e che sono andati a combattere in Siria e Iraq, 29 dei quali sono già rientrati in Europa. Rispetto all'anno scorso il numero dei soggetti costantemente monitorati è salito del 4,4% (erano 135). Quanto ai controlli, sono state effettuate verifiche su oltre 560mila persone (+9,8%) e quasi 200mila veicoli. Sul fronte interno sono invece stati arrestati 15 estremisti di area anarchica (erano 11), il 36,4% in più.
Sicurezza stradale: meno incidenti ma più morti - Secondo i dati del Viminale calano gli incidenti stradali ma aumentano i morti. A fronte di una riduzione del totale dei sinistri, passati dai 75.541 dello stesso periodo dell'anno scorso ai 73.408 di quest'anno, con un calo del 2,8%, si registra infatti un aumento sia delle vittime - +6%, da 1.630 a 1.727 - sia degli incidenti con esito mortale, cresciuti del 2,1% (da 1.505 a 1.536). In calo del 2,8% invece il numero dei feriti, passati da 49.644 a 48.249. Quanto ai controlli, sono state accertate poco più di 2,3 milioni di infrazioni (-5%) ed effettuati quasi 1,3 milioni di verifiche con gli etilometri (-4.8%).
Mafia: sottratti beni a organizzazioni per 7,5 miliardi - Tra sequestri e confische sono stati sottratti alle organizzazioni criminali beni per oltre 7,5 miliardi. Il dossier del Viminale su un anno di attività indica infatti 6.802 beni sequestrati, per un totale di 3,8 miliardi, e 3.644 beni confiscati, per un valore di 3,7 miliardi. Al 31 luglio di quest'anno risultano inoltre 16.738 beni tolti a mafia, camorra e ndrangheta e restituiti alla collettività: 15.768 immobili e 970 aziende.


Articolo letto: 139 volte
Categorie: , Cronaca, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook