M5S, SINDACA IMOLA ANNUNCIA DIMISSIONI - Cade dopo meno di un anno e mezzo dalle elezioni la giunta monocolore del Movimento 5 Stelle.

Bologna
07:40 del 30/10/2019
Scritto da Passa

M5S, SINDACA IMOLA ANNUNCIA DIMISSIONI - Cade dopo meno di un anno e mezzo dalle elezioni la giunta monocolore del Movimento 5 Stelle. La sindaca pentastellata di Imola, città romagnola, Manuela Sangiorgi, lascia l'incarico: domani, in consiglio comunale, rassegnerà ufficialmente le sue dimissioni da prima cittadina. Davanti agli imolesi la pentastellata Sangiorgi ha detto di non sentirsi più parte del Movimento 5 Stelle, con cui aveva vinto le elezioni nel giugno del 2018 al ballottaggio strappando il 55,4% dei voti, e che non ci sarebbero più le condizioni politiche per andare avanti.

Per questo ha annunciato questa sera in piazza Matteotti le sue dimissioni irrevocabili dalla carica. "Non c'erano più le condizioni per andare avanti", ha detto durante un discorso tenuto davanti a circa 200 cittadini. "Ho bisogno dell'appoggio per fare quello per cui i cittadini mi hanno votata – ha aggiunto – non posso rischiare di diventare un burattino in mano al Pd".



M5S, SINDACA IMOLA ANNUNCIA DIMISSIONI - A Imola, il M5s tira un sospiro di sollievo per l’uscita di scena di Sangiorgi. Il suo mandato è stato piuttosto travagliato: ha visto uscire di scena, per dimissioni o revoca dell’incarico, cinque assessori della Giunta. “Potevamo fare tutto, con una forza politica forte al Governo, con un gruppo consiliare forte che mi sosteneva e una giunta che ha lavorato tanto, ma non ci sono più le condizioni, per colpa soprattutto di pochi all’interno del Consiglio comunale che dovevano appoggiarmi”, ha detto dal palco l’ex sindaco.

Fabrizio Favilli, a capo della fronda dei sei dissidenti da tempo in rotta con la Sangiorgi, le risponde su Facebook, accusandola: “I nostri assessori” a 5 Stelle “l’hanno difesa in ogni situazione, anche davanti a incongruenze macroscopiche, lei li ha umiliati davanti a tutta Imola, facendoli parlare di quello che avrebbero fatto in futuro per poi prendere la parola e dimettersi. È ora di dire con orgoglio che questa persona nulla c’entrava con noi e di ripartire dai nostri valori fondanti”. E un divorzio tra la Sangiorgi e il Movimento sembra ormai questione di ore: “Il M5s non esiste più: è morto con Casaleggio. Abbiamo visto appropriarsi di ruoli apicali persone senza né arte né parte, perdere 6 milioni di voti e far finta di niente” ha detto l’ex prima cittadina, oggi, ai microfoni di E’ Tv. “Io mi aspettavo un appoggio dal M5s nazionale – si è lamentata -, ma quando sono andata a chiedere aiuto su questioni importanti, ho avuto risposte imbarazzanti. C’è stato un muro e, in buona parte, ha contribuito Massimo Bugani. Io per 15 mesi sono stato un sindaco commissariato, quando venivo in Comune era come entrare nella foresta dei pugnali volanti”. Sangiorgi ribadisce il disaccordo con le scelte politiche che il Movimento ha fatto a livello nazionale: “Fino al giorno prima abbiamo detto di tutto al Pd, e poi ci andiamo al governo insieme? Poi abbiamo visto che bel progetto, il progetto di governo delle tasse”.


Articolo letto: 468 volte
Categorie: , Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook