Da quando nasciamo, la società ci dice cosa fare: studiare bene, lavorare duro e insegnare tutto a nostri figli.

Milano
06:30 del 10/10/2017
Scritto da Carmine

Da quando nasciamo, la società ci dice cosa farestudiare bene, lavorare duro e insegnare tutto a nostri figli.

Ma se questo ciclo da percorrere fosse solo un limite alla creatività? Due registi spagnoli si sono posti questa domanda e hanno risposto realizzando Alike, un corto che incoraggia le persone a guardarsi attorno, a pensare, a non accontentarsi.

I protagonisti del corto – in pieno stile Pixar – sono un padre e un figlio che vivono in un mondo grigio, monotono, senz’anima. Entrambi, vivendo con grande affetto il loro rapporto, sono diversi dagli altri: sorridono, semplicemente, grazie all’innocente gioia del bambino. Ma basta addentrarsi un po’ più nel profondo nella società, tra scuola e lavoro, per perdere l’entusiasmo e percorrere i binari imposti.

In questo corto di poco meno di 8 minuti, i due registi Daniel Martínez Lara e Rafa Cano Méndez hanno toccato un tasto molto delicato: è difficile vivere in un mondo che ti dice cosa fare, come farlo e conservare allo stesso tempo la propria creatività, il proprio spirito critico. Ma contiene anche un messaggio sul rapporto tra genitori e figli.

Prendetevi questi 8 minuti: saranno i più ben spesi della giornata.

Buona visione.

Da: QUI


Articolo letto: 96 volte
Categorie: , Denunce, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook