Quando la finiremo di illuderci, ripetendo ossessivamente il mantra del "dialogo", sempre e comunque, per affrontare ogni problema, persino l'aggressività mortifera dell'islamismo?

Torino
05:00 del 07/10/2017
Scritto da Gerardo

Quando la finiremo di illuderci, ripetendo ossessivamente il mantra del "dialogo", sempre e comunque, per affrontare ogni problema, persino l'aggressività mortifera dell'islamismo? Il dialogo, tra l'altro, presuppone che ciascuno dei dialoganti metta sul tavolo, con chiarezza, le sue ragioni. Cosa impraticabile se si ha di fronte un musulmano: uno dei capisaldi del Corano stesso, non solo della tradizione maomettana, è che ebrei e cristiani hanno manipolato le Sacre Scritture. Soprattutto, per quanto riguarda i cristiani, eliminando le parole di Gesù, quando avrebbe annunciato la venuta dopo di lui del "Sigillo dei Profeti", Muhammad. Dunque, dicono, è inutile perdere tempo con dei falsari. Così, all'islamico è addirittura vietato leggere la Bibbia, Antico e Nuovo Testamento (difatti non sono tradotti in arabo), perché si rischierebbe di prestar fede alle menzogne dei devoti di Jahvé e di quelli di Gesù Cristo. Ma allora: che dialogo ci si può aspettare da un interlocutore che ti considera a priori uno spacciatore di menzogne?


Eppure, qualche dialogante a ogni costo (anche nelle alte gerarchie ecclesiali) non si rassegna e ricorda il rispetto con il quale il Corano parla di Isa, Gesù, e di sua madre Maryam. Stanco di questa argomentazione, un docente della Sorbona di Parigi, Roger Arnaldez, considerato il maggiore islamologo francese, ha deciso di esaminare ciò che dicono di Gesù non soltanto il Corano ma anche le migliaia di hadit, cioè di detti attribuiti a Muhammad dalla tradizione islamica. Vediamo le sue conclusioni, dopo la lunga ricerca: "I cristiani rischiano di emozionarsi, venendo a conoscere i molti versetti coranici su Gesù e su Maria. Ma non si lascino ingannare: tutti i commenti islamici, dagli inizi a oggi, convergono nell'indicare Gesù, senza esitazione, come il penultimo profeta, il pre-islamico che annuncia l'arrivo dell'ultimo profeta. È un Gesù che non ha nulla a che fare con il Personaggio dei Vangeli: è interamente musulmano e condanna duramente i cristiani che lo hanno scambiato per Figlio di Dio, ricordando che Allah è l'Unico Dio e non ha di certo prole. Ogni dialogo, poi, è interdetto anche perché, per il credente maomettano, sul mondo deve regnare soltanto la legge di Allah, rivelata a Muhammad, e l'islam non riconosce, anzi giudica blasfeme, le parole liberatorie del Cristo: "Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio".
Cose, queste, che dovrebbero essere ben note ma che non fermano né fermeranno i dialoganti a ogni costo. Liberi di sognare, ma la realtà non ha compassione per le intenzioni buone ma irrealistiche.

Da: QUI


Articolo letto: 119 volte
Categorie: , Denunce, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Dialogo - Immigrati - profughi - immigrazione - clandestini - PD - Politica - Sociale - ROM - Video -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook