Se Renzi pesta una merda o inciampa sul piede di qualche collega "onorevole" (la cui differenza è trascurabile) dedicate la prima pagina dei vostri giornali. 

Roma
13:00 del 16/07/2017
Scritto da Luca

GIORNALISTI SIETE LA VERGOGNA DELL'INFORMAZIONE!

Se Renzi pesta una merda o inciampa sul piede di qualche collega "onorevole" (la cui differenza è trascurabile) dedicate la prima pagina dei vostri giornali. 
Se un povero bambino gravemente ammalato muore, la colpa ovviamente è dei non vaccinati e dedicate la prima pagina dei vostri giornali. 
Se il papà di un bambino immunodepresso scrive un'accorata lettera, dedicate la prima pagina dei vostri giornali.
Se una persona malata di tumore muore (e la strage continua ogni giorno), è morto per la malattia e mai per la "cura"…


Questo è quello che i vostri padroni vi chiedono.

Se invece è il papà di un bambino morto o danneggiato dai vaccini a scrivere la lettera, non solo non pubblicate nulla ma lo snobbate e ridicolizzate. 
Se una persona malata di tumore rifiuta le cure ufficiali e muore, allora è morta per le cure.
Se in un afoso sabato di luglio a Pesaro oltre 50.000 persone si riuniscono e via streaming circa 1 milione e 800 mila (e non per Vasco) non scrivete nulla nei vostri giornali....

Siete scandalosi e se vi rimane ancora un briciolo di dignità e di moralità VERGOGNATEVI!!!

I politici sono i camerieri dei banchieri, 
i giornalisti i loro portavoce...

Da: QUI


Articolo letto: 176 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook