Dai sondaggi politici – elettorali emergono dati interessanti sulla reazione degli italiani ai provvedimenti che saranno adottati con la prossima legge di bilancio

Napoli
08:00 del 08/10/2018
Scritto da Gregorio

È una rilevazione dell'Istituto Piepoli a fare il punto sulle reazioni degli italiani ai provvedimenti annunciati dal governo Lega – Movimento 5 stelle dopo la presentazione della Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza. Il sondaggio politico, realizzato per la trasmissione di Rai Uno Porta a Porta, si sofferma dapprima sulla decisione del governo di aumentare il rapporto deficit / Pil al 2,4% per il prossimo anno: in merito, gli italiani sono divisi a metà, con il 44% che pensa che sia giusto sforare per approvare provvedimenti utili al Paese e il 44% che pensa sia necessaria maggiore prudenza in campo economico e finanziario.


Discorso simile per quanto concerne il debito pubblico, con il 22% degli italiani che ha fiducia nella capacità del governo di tenere sotto controllo il debito, il 26% che crede che possa aumentare ma non lo considera un errore e il 44% che si dice seriamente preoccupato da un conseguente aumento degli interessi. Sui risparmi, poi, il giudizio degli italiani si mostra polarizzato: il 43% ritiene che siano in pericolo, mentre il 40% è convinto che le somme messe da parte nel corso degli anni non saranno intaccate dalle scelte dell'esecutivo.

L'opinione degli italiani appare molto diversa, invece, per quel che concerne il reddito di cittadinanza, che sarà inserito nella prossima legge di stabilità secondo modalità anticipate da Luigi Di Maio ai microfoni di Fanpage.it. Secondo la rilevazione, infatti, solo il 36% degli italiani pensa che con il reddito di cittadinanza si avranno effetti positivi su occupazione e consumi (9% molto, 27% abbastanza). Negativa la previsione del 58% degli italiani, con il 31% che pensa che il reddito di cittadinanza servirà a poco e il 27% che è convinto che avrà effetto nullo o addirittura negativo.

Sempre Piepoli, però, sottolinea come il gradimento complessivo nei confronti dei due partiti della maggioranza non sia in discesa: la Lega è al 31%, il Movimento 5 Stelle al 30%, per un 61% complessivo che è la quota più alta raggiunta finora.

Da: QUI


Articolo letto: 176 volte
Categorie: , Economia, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook