Puntare sul senso di colpa per spingere gli automobilisti a essere più attendi e a non correre rischi quando sono su strada

Genova
15:00 del 12/09/2018
Scritto da Gregorio

Puntare sul senso di colpa per spingere gli automobilisti a essere più attendi e a non correre rischi quando sono su strada: è l’idea che è venuta a Chevrolet, e che si è tramutata in un’app ribattezzata “Call Me Out”, che in italiano si potrebbe tradurre in “richiamami”, inteso come “sgridami”. 

L’idea della casa di Detroit è quanto meno originale, ed è il frutto di una sfida che l’azienda ha lanciato a due squadre di giovani creativi, invitati a pensare a metodi innovativi per ridurre il tasso di distrazione alla guida

Il risultato è un sistema che combina la tecnologia all’affetto (e al senso di colpa che spesso si prova nel deludere chi ci è caro) per stimolare gli automobilisti a non correre rischi, soprattutto quando si tratta di usare il cellulare alla guida: l’app “Call Me Out” consente ad amici e parenti di registrare messaggi personalizzati che invitino a tenere le mani lontane dallo smartphone e ben salde sul volante, e in generale a tenere un comportamento sicuro.  

I file audio vengono quindi riprodotti automaticamente quando il gps del telefono registra che l’auto si sta muovendo a velocità superiori a 8 km l’ora e il telefono viene sollevato: le voci di mogli, mariti, figli, genitori risuonano nell’abitacolo, facendo leva sul senso di colpa per spingere l’automobilista indisciplinato a pensare agli affetti prima di usare il telefono alla guida, abitudine che secondo un recente studio di Research Now accomuna il 90% di un campione di persone che hanno ammesso di essere consapevoli che usare il cellulare in auto è pericoloso. 

L’app contiene anche una sorta di segnapunti: meno lo smartphone viene maneggiato durante la guida, più alto sarà il punteggio accumulato. Disponibile al momento solo per Android, piò essere scaricata gratuitamente dal Play Store. 

“Come padre di due figlie, sono acutamente consapevole di tutti i rischi che corrono ogni giorno nel mondo, ed è per questo che è così importante offre tecnologie in grado di aiutarci a diventare guidatori più sicuri”, ha detto Alan Bartey, presidente di General Motors Nord America, il gruppo che detiene il marchio Chevrolet. 

Resta il dubbio su che impatto potrebbe avere un messaggio proveniente da uno smartphone su un automobilista: lo spingerebbe a tenere le mani sul volante, o a dare un’occhiata allo schermo, anche solo come riflesso incondizionato, provocando l’effetto opposto a quello desiderato? Per Tricia Morrow, ingegnere per la sicurezza di Chevrolet, “i veicoli di oggi hanno diversi sistemi di sicurezza come il Lane Assist e la frenata autonoma d’emergenza, ma sappiamo che l’auto è solo uno degli elementi. L’app Call Me Out fornisce a chi guida un altro strumento per rinforzare i comportamenti di guida corretti, e come mamma di una figlia adolescente so quanto è importante dare il buon esempio e incoraggiare gli altri a fare lo stesso”

Da: QUI

 


Articolo letto: 85 volte
Categorie: , Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Tecnologia - hi tech - tech - Call Me OUt - Telefono - Smartphone -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook